“Si rischia di fare giri di turibolo perfetti, al compasso. Se sforniamo sacerdoti del genere... questi sono mostri di liturgia, ma manca loro la relazione, non escono sul sagrato a commiatare!”. - Così, con fermezza e tanta delicatezza, esordisce lo stimato Mons. Dal Molin. Da laici ci sentiamo subito coinvolti anche perchè il nostro incenso è lo stesso: la preghiera. Quante volte cadiamo nella contraddizione di una orazione che esagera nella forma. Tutta la vita di fede esige relazioni umane, scambio, più che auto-realizzazione. Dal Molin punta tutto sul ritrovare la dimensione Missionaria: “Noi siamo per gli altri, non per noi stessi!”. Vagliare la dimensione del Mistero: “Non avremmo mai gli strumenti per capire sino in fondo il perchè della nostra adesione”. Così, capiamo che la vocazione è per tutti. Dal battesimo chiunque ha una missione, quella di testimoniare, di scalare la montagna dell’invisibile. “Oggi - continua - si tende ad eliminare la dimensione del mistero e della grazi; tutto vive sotto il rischio del carrierismo”.  Qualcuno ricorda il Dialogo tra Eugenio Scalfari e Papa Francesco...: è bello sapere che la Chiesa prende in contropiede i distanti, quelli che comunque indagano. Bisogna vedere lo sforzo, non il risultato. Bisogna mettere al centro la Persona. Camminare insieme e non isolati. “Oggi, quando si pensa ad un nuovo linguaggio da insegnare a che vive la propria vocazione (tutti), bisogna pensare a quello del cuore, che tocca le persone. Pensiamo a Papa Francesco il cui comportamento segue la sua dialettica”. 

Con Mons. Dal Molin ci si è poi soffermati sul valore dell’Enciclica “Nuove vocazioni per una nuova Europa”, 1997. Come pure sulla “Lumen Gentium”. “Oggi - continua - si è arrivati, dopo una visione Ecclesiologica, Cristologica e Sponsale/Nuziale, ad una fase detta Antropologica, propria delle Scienze Umane. Si è giunti cioè a dare valore ad una pastorale vocazionale che esalti e promuova la storia relazionale, ossia, occorre domandarsi, da prete o da laico, quali sono le relazioni importanti della mia vita? Emergeranno dunque amori e dipendenze. Bisogna fare Verità dentro di noi, per poter incontrare quella vera al di fuori. Bisogna divenire consapevoli di ciò che si pensa e di come si agisce. E, come guida, riscoprire colui che mi chiama ad agire, nella verità!”. Man mano che il convegno prosegue restiamo affascinati per come questo messaggio, “quello della missione di tutti”, stia scardinando ogni barriera creata dalla resistenza delle nostre ideologie. Insomma... siamo laici, ma il discorso calza bene anche su di noi! In effetti, il nichilismo ed il fatalismo, di cui parla Benedetto XVI°,  ed il grande freddo, di cui parla Thomas Bernhard nel suo “Il Grande Gelo”, altro non fanno che annientare la speranza e renderci annunciatori passivi e rassegnati della Verità del Vangelo. Tuttavia, secondo Dal Molin, per riscoprirsi annunciatori “bisogna gridare e ripetere un Sì (un fiat) giornaliero. Per cui ritornare sulle motivazioni della scelta, sia essa laicale o sponsale in Cristo Gesù. Dobbiamo essere Generativi, trovare situazioni e persone, non cose! Senza trasmettere la frustrazione. Essere contenti, senza annientare l’altro; ammirando le vocazioni dell’altro. Diminuirsi per esaltare l’altro. In sintesi per essere generativi dobbiamo (tutti) essere più umili, consapevoli del nostro limite (no ai Guru), sentirne la gravità fisica che ci porta verso... ed essere per... Non vivere da angosciati, ma neanche da  Te Deum, che è troppo! Quindi ci vuole Passione intesa come full-immersion in anima e cuore. Chi ci entusiasma è un appassionato, uno credibile!  Educhiamoci alla Bellezza. Nasce così la Pastorale della quotidianità, paragonabile ai 3 anni della vita pubblica di Gesù. Osservare tutti i comandamenti e non agire, non serve a nulla. In definitiva dobbiamo ritrovare il senso ed essere portatori di messaggi di Positività”. 

 

Anche il Vescovo di Nuoro Mons. Mosè Marcia ha puntualizzato sul concetto di abitudine: ed ha “...chi dà per scontato cosa vuol dire amare il prossimo, non sa cosa è l’amore di quel Gesù che tutti seguiamo, ma proprio tutti, dal battesimo”. 

 

“A Gesù non basta un’accettazione di principio. Gli serve la pratica”: così l’Abate di San Pietro di Sorres, Padre Antonio, che ci ha fatto molto riflettere sulla libertà di Gesù nei confronti del Padre dei Cieli. Accostando la nostra fratellanza allo stesso tipo di libertà. I concetti di rischio e di fatica nella missione ci accomunano, come le tentazioni dell’abbandono della missione vocazionale (sia laica che presbiteriale).  Ma è nella tentazione che ci si afferma liberi. Ci accomuna la preghiera. Essa ci salva sempre. “Bisogna ridare lo spazio allo Spirito Santo, oggi trascurato. Emmaus, come racconto, ci fa capire che la scelta va compiuta ogni giorno”...e continua - “Prima di essere per l’altro bisogna stare con l’altro, condividendo con amore. Il cammino educativo o genera o fallisce. I laici dovrebbero avere più spazio per creare incontri di preghiera innovativi, tali per cui la supervisione del prelato non sia un controllo ma un incoraggiamento”.

 

 

 

Che dire. Grazie a Dio per questa splendida esperienza. Ora è giunto il momento di testimoniare ancor meglio la Verità. - Gruppo Lamaddalenadontbeafraid.it

Vuoi stampare l'Inserto? Ecco il PDF
Inserto Bollettino 46 Nov. 16 Sabato.pdf
Documento Adobe Acrobat 851.2 KB

Ecco le date degli incontri aperti a tutti, all'aperto!

*Controllare sempre il sito e la Pagina Facebook per eventuali cambi di programma

 

AGOSTO 2013

 

20 Martedi

22 Giovedi

Ore 21.15

Luogo: Piazzetta AMSICORA (fronte Radio Arcipelago), centro storico.

 

27 Martedi

29 giovedi

Ore 21.15

luogo:  Piazzale della Chiesa Bambino Gesù - Quatiere Due Strade.

 

SETTEMBRE 2013

 

3 Martedi

5 Giovedì 

Ore 21.15

Luogo: Piazzale della Chiesa Bambino Gesù - Quatiere Due Strade.

 

 

10 Martedì

12 Giovedì

Ore 21.15

Luogo: Scalinata Istitito San Vincenzo (centro Sotrico);

 

17 Martedì

19 Giovedì

Ore 21.15

Luogo:

Piazzetta AMSICORA (fronte Radio Arcipelago), centro storico.

 

24 Martedì

26 Giovedì

Ore 21.15

Luogo: Piazzale della Chiesa Bambino Gesù - Quatiere Due Strade.

Invita un amico/a, per una mail clicca sulla bustina da lettera!

Scarica l'immagine e condividila

Il rosario Itinerante LMDBA.it.001.001.p
Formato Portable Network Grafik 2.2 MB

Qualche foto

Festa dell’Assunta, 15 Agosto 2013 -

Assetati di Gloria

Che dire... un piccolo pellegrinaggio che si rinnova ogni anno. Lasciamo da parte le considerazioni in merito all’organizzazione. Eh, bonariamente, diciamo peggio per chi non ha voluto esserci pur sapendo. 

Quel che forse bisogna notare è questo: Una fervida volontà, una sorta di missione in chi da turista ha affittato anche qualche gommone per presenziare attivamente alla Santa Messa celebrata da Don Domenico Degortes. Loro, i turisti, sono sempre i più attenti agli eventi organizzati, in generale, sull’isola. E, loro, continuano a restare curiosi e volenterosi anche quando si immergono nella vacanza tanto attesa. Bisogna, in verità, dire che i presenti ai festeggiamenti dell’Assunta erano in numero di metà per indigeni e per turisti. Tuttavia si riscontra sempre maggiore affezione da chi, indigeno, trova il modo di esserci anche portando la propria imbarcazione. Vedere, improvvisamente, una fiumana di persone percorrere quel lembo di grande spiaggia ed addentrarsi nel piccolo sentiero privato che costeggia alcune case ed anche il vecchio Monastero, sorprende! Ma dove vanno? Cosa cercano? Cercano forse frescura, distrazione? Svago? No.... cercano l’incontro con il Signore alla sua Santa Messa. E come ci arrivano lì? Ci arrivano tramite la madre di Dio. Gesù! Perchè a Lui ci si avvicina sempre tramite Lei. Festeggiare Lei, assunta in cielo in corpo e anima, è festeggiare per il riconoscimento della nostra futura Patria Celeste. Noi che, più o meno buoni, andremo in Paradiso prima o poi. Noi che ci accingiamo alla Santa Messa per incontrare Gesù agonizzante e salvifico al contempo. Noi che pellegriniamo in questa splendida Isola che prende il nome dalla Vergine Maria. Noi che sappiamo quello che andiamo a fare, Assetati di Verità e di Libertà in Dio.   

 

Iscriviti al CAMP!

Leggi la brochure completa.  Salva il file o aprilo qui sotto.

GIOVIN CAMPO Papa Francesco - Cagliari -
Documento Adobe Acrobat 752.6 KB

DILLO AL TUO AMICO

Festa della Visitazione 31 Maggio 2013

QUESTA SERA! Tutti riuniti per la chiusura del Mese Mariano all'Oasi della Madonnina della Panoramica. Strada provinciale panoramica prima del bivio del Villaggio Piras, La Maddalena. ORE 18.30.La Processione partirà alle 17.30 dalla Chiesa del Bambino Gesù di Due Strade. La Madonna a Medjugorje ci dice sempre, tramite i veggenti, che la Santa Messa è al primo posto! E... noi, sfidando il vento, caratteristico dell'Isola madre, onoreremo colei che ci è stata vicina, maggiormente, in questo mese di Maggio.  Buona Festa della Visitazione. 

Programma Settimana Santa 2013

Programma Settimana Santa 2013 Interparr
Documento Adobe Acrobat 793.2 KB

Il nuovo Musical per La Pasqua 2013

La Parrocchia di Moneta invita al nuovo Musical della compagnia teatrale dell'Oratorio di Moneta "San Domenico Savio" diretto da Manuela Verzino. 
In occasione dell'arrivo della Pasqua i componenti del gruppo porteranno in scena la storia della vita di Mosè, dalla sua nascita fino all'incontro con Dio tramite il dono delle Tavole dei Dieci Comandamenti e la liberazione del popolo ebreo dalla schiavitù dell'Egitto.

Standing Ovation

Grande successo per il Musical. Un folto gruppo di Ragazzi ed adulti (circa 70) dell'Oratorio San Somenico Savio di Moneta, in La Maddalena, ha preso possesso del grande palco per metter in piedi la vicenda di Mosè! La liberazione del Popolo dalla schiavitù d'Egitto. Due delle scene più toccanti snono state quella dell'"apertura" del Mare per intercessione dello Spirito Santo invocato da Mosè e quella del Vitello d'oro simbolo d'adesione all'idolatria pagana per un popolo in crisi. Entrambe le macchine sceniche sono state curate nel mino dei particolari restituendo grande valenza estetica e strutturale. Le ottime performance canore ed interpretative di alcuni dei ragazzi eran già note, consolidate e collaudate su altri musical. Tuttavia, sono emerse altre interessanti potenzialità, in altri soggetti dediti a fare della preghiera un'arte. In sostanza due ore di pura oscillazione sensoriale, virata al positivo! Prossima tappa... la Piazza della Città di Olbia!

E' necessaria la Prevendita presso:

Solo in La Maddalena 

Parrocchia di Moneta - Libreria dell'Isola (Via Vittorio Emanuele) - Panetteria Reanto Benatti (Via Principe Amedeo) - Battaglia Dischi (Via Garibaldi) - Piccolo Bazar Edicola (Via Benedetto Cellini).

Scarica la Locandina e diffondila
MANIFESTO Ascoltaci.jpg
Formato JPG 829.3 KB

Puoi anche condividere con i tuoi social media

Martedì 5 Febbraio 2013GRANDE SERATA al Teatro Primo Longobardo di La Maddalena. MEMORIAL ALESSIA GUCCINI, ore 18.00.
Presentazione del Libro "La Vita e Bella" -  Testimonianze - Live music Band "Le Isole Intermedie". 

 

Ospiti della serata:

Il Vescovo Mons. Sebastiano Sanguinetti;

Pro. ssa Paola Bignardi  (autrice del Libro);

Suor Annamaria, (madre spirituale di Alessia);

La Famiglia Guccini;

Testimoni Amici di Alessia.

 

Presenta: il giornalista Lorenzo Impagliazzo

 

Promotore dell'Evento: Parrocchia Santa Maria Maddalena nella persona di Don Albert Guevara con lo staff di "Lamaddalenadontbeafraid.it".

 

Il memorial vedrà la partecipazione canora di alcuni cantanti dell'isola, amici e non di Alessia.
TUTTI PER ALESSIA, UN MEMORIAL-FESTA!!!

 

Il concerto del Coro Città di Olbia

Il Musical l'Atteso continua a far parlare di se!

ECCO IL TOUR

 

16 Dic. ore 21:00 OLBIA Chiesa "La Salette"

20 Dic. ore 21:00 ARZACHENA Chiesa "Tempio Nuovo"
23 Dic. ore 21:00 LA MADDALENA Chiesa "S.M. Maddalena"

SEGUICI SU FACEBOOK

Il brano che ci ispira

Roberto Bignoli

Roberto Bignoli, il cantautore italiano di ispirazione cristiana più conosciuto nel mondo, che ha deticato una canzone a Papa Giovanni Paolo II, "Non temere-Don't be afraid", realizzata insieme a Nico Fortarezza, musicista e cantautore noto per la sua collaborazione con Enrico Ruggeri.

Ultimo messaggio di Medjugorje
sabato 2 settembre 2017 Cari figli, chi meglio di Me potrebbe parlarvi dell’amore e del dolore di mio Figlio? Ho vissuto con Lui, ho sopportato con lui, vivendo la vita terrena, ho provato dolore perché fui madre. Mio Figlio ha amato i pensieri e le opere del Padre Celeste, il Dio vero, e come mi diceva è venuto a redimervi. Io ho nascosto il mio dolore con l’amore e voi, figli miei, avete numerose domande, non comprendete il dolore, non comprendete che tramite l’Amore di Dio dovete accettare il dolore e sopportarlo. Tutte le persone lo proveranno in misura minore o maggiore, ma affrontato con la pace nel cuore e in stato di grazia c’è speranza. Questo è mio Figlio, Dio, nato da Dio. Le sue parole sono seme di vita eterna e seminate nelle anime buone portano molto frutto. Mio Figlio ha portato il dolore perché ha preso su di sé i vostri peccati. Perciò voi, figli miei, apostoli del mio amore, voi che sopportate, sappiate che il vostro dolore diventerà luce e gloria. Figli miei, mentre sopportate il dolore, mentre soffrite, il Cielo entra in voi e voi a tutti coloro che vi circondano date un po’ di Cielo e molta speranza. Vi ringrazio.
>> leggi di più

Twitter PAPA FRANCESCO

SEGUICI SU TWITTER

Sondaggio veloce!

Come ci hai incontrato?

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

Collaboratori

Il sito della Parrocchia Santa Maria Maddalena

Anche all'interno del sito della Parrocchia potete scaricare i Bollettini che vengono emessi ogni settimana dalla Segreteria.